New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio Vendita 2017 economico

B01FI1XV3S

New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio

New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio
New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio New Balance WRT580RH WRT580RH, Scarpe sportive Grigio

NEGOZI POPOLARI

"Credo che qualcuno nel Regno Unito stia perdendo i nervi, ma non c'è alcuna ragione": così il ministro degli Esteri spagnolo Afredo Dastis  oggi in risposta alle dichiarazioni infiammate su Gibilterra venute da Londra. L'ex leader del partito conservatore Michael Howard ha fra l'altro tracciato ieri un parallelo fra la Rocca e le Malvine, alludendo al fatto che la premier Theresa May sarebbe pronta ad una guerra per mantenere la sovranità britannica su Gibilterra, come fece 35 anni fa Margareth Thatcher per le Falkland-Malvine. Le tensioni si sono riaccese fra Londra e Madrid sul futuro del territorio britannico all'estremo sud della Spagna dopo l'avvio della Brexit e la nota dell'Ue che chiariva come la Spagna disporrà dell'ultima parola su ogni accordo che riguardi Gibilterra.

"Gibilterra non deve essere merce di scambio nei negoziati sulla Brexit". Lo ha detto il  governatore britannico di Gibilterra, Fabian Picardo , intervenendo nella contesa sulla sovranità della Rocca tra Regno Unito e Spagna che si è acuita con l'inizio delle trattative per il divorzio di Londra dall'Ue. Picardo ha affermato che gli abitanti di Gibilterra vogliono rimanere sotto la corona britannica e ha ricevuto nuove rassicurazioni in merito dalla premier Theresa May, che ha ribadito il suo "assoluto impegno" nella difesa degli interessi del territorio.

Wörterbuch

CAPANNORI – Il Comune di Capannori cede alla Sigma Ingegneria Srl il 51 per cento delle quote della società Aeroporto Spa e accantona in bilancio una somma (circa 290.000 euro) per partecipare alla procedura di concordato e risolvere definitivamente la questione del debito storico della società, qualora venga concessa l’omologa. Allo stesso tempo, il Comune di Capannori e la Sigma Ingegneria Srl hanno prodotto, nell’ottica di valorizzare il proprio patrimonio, la concessione ventennale ottenuta da Enac e per rilanciare un’attività che può avere importanti ricadute sul territorio, un piano di rilancio dell’infrastruttura su nuove basi e con nuove prospettive.

La Sigma Ingegneria Srl quindi si farà carico di liquidare i creditori della Società Aeroporto per un importo stimato di circa 310.000 euro, pari al 51 per cento del fabbisogno concordatario.

L’operazione di cessione delle quote della società Aeroporto a privati fortemente voluta dal sindaco Luca Menesini compie – con i voti favorevoli delle forze di maggioranza Pd, Capannori2020, Scelta Popolare e I Moderati, mentre le forze di minoranza M5S, Forza Italia, Udc, Alternativa civica di Centrodestra hanno votato contrario – il primo concreto passo in avanti. L’Ente di piazza Aldo Moro, a questo punto, ha fatto tutto ciò che era in suo potere e invierà al Tribunale gli atti in modo che le autorità competenti possano fare le proprie valutazioni.

“Ringrazio i consiglieri comunali di maggioranza – dice l’assessore alle partecipate Ilaria Carmassi – per aver scelto di cedere la maggioranza delle quote societaria a un privato, che lavorerà per costruire a Tassignano il polo dell’innovazione, puntando sulla ricerca nel campo dei droni e dell’ingegneria aerospaziale. Una decisione che guarda al futuro, che segna fortemente quanto la nostra amministrazione voglia realizzare opportunità nuove in ambito occupazionale, tecnologico e di rafforzamento del territorio nel panorama regionale e nazionale. Noi abbiamo fatto la nostra parte, e siamo pronti a fare tutto quello che servirà, se otteniamo l’omologa. Una volta azzerato il debito storico della società Aeroporto, la stessa avrà un nuovo valore patrimoniale, trasformando così i rapporti di forza oggi in gioco. Sarà nostro obiettivo, infatti, cedere alla Sigma o ad altri privati anche altre quote della società, in modo che dopo la fase iniziale il Comune resti come soggetto controllore e supporto per le attività di ricerca che coinvolgeranno altri Enti pubblici come la Regione Toscana. Se otteniamo l’omologa si aprirà finalmente quel nuovo panorama a cui stiamo lavorando da tempo. Per questo ringrazio in modo sentito il sindaco Luca Menesini che con la sua azione politica e amministrativa ha davvero creato le condizioni per rendere la società Aeroporto appetibile per i privati e darci oggi la possibilità di concretizzarne il rilancio. Infine, un grazie ai professionisti esterni, ai dirigenti e dipendenti dell’Ente che hanno lavorato sodo e tanto per raggiungere questo obiettivo”.

Realizzata questa operazione, la società Aeroporto vedrà cambiare profondamente la sua situazione, divenendo una società sana. Infatti, nel dettaglio, questa operazione comporterà: l’azzeramento del debito storico della società, il mantenimento della concessione ventennale Enac, la valorizzazione economica del patrimonio aeroportuale che diventerà di valore immobiliare alto, lo sviluppo del progetto del Polo Aerospaziale della Toscana, oltre alle attività legate all’aviazione generale e alla protezione civile.

I proprietari di quanto elencato sopra saranno la Sigma Ingegneria Srl al 51 per cento e il Comune di Capannori al 49 per cento.

Israele ha rimosso i metal detctor all’ingresso della spianata delle moschee, a Gerusalemme. Ma i palestinesi chiedono che vengano tolte anche le telecamere di sicurezza. La Giordania, custode dei luoghi santi musulmani a Gerusalemme, avrebbe raggiunto un’intesa con Israele sulla soluzione della crisi della spianata delle moschee tirando in ballo la sorte del diplomatico dell’ambasciata israeliana ad Amman, accusato di aver ucciso due giordani. Re Abdallah aveva chiesto al premier israeliano Benjamin Netanyahu, in un colloquio telefonico, di interrompere tutte le misure di sicurezza sulla spianata delle moschee.

Oggi a Parigi s’incontrano i leader delle due principali fazioni rivali libiche. Il capo del governo di unità nazionale di Tripoli, Fayez al Sarraj, e l’uomo forte dell’est del paese, il maresciallo Khalifa Haftar, saranno ricevuti dal presidente francese Emmanuel Macron . L’obiettivo è la firma di una dichiarazione congiunta che possa dare dei princìpi e una visione comuni per una soluzione alla crisi libica. Al Sarraj e Haftar s’incontreranno al castello La Celle-Saint-Cloud prima separatamente poi insieme all’inviato delle Nazioni Unite Ghassan Salame.

Categorie

Festività

Servizi

Altro